Hockey Sarzana | APOTEOSI HOCKEY SARZANA: ALL’ESORDIO IN CAMPIONATO FORTE DEI MARMI BATTUTO AL VECCHIO MERCATO.
19761
post-template-default,single,single-post,postid-19761,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

APOTEOSI HOCKEY SARZANA: ALL’ESORDIO IN CAMPIONATO FORTE DEI MARMI BATTUTO AL VECCHIO MERCATO.

APOTEOSI HOCKEY SARZANA: ALL’ESORDIO IN CAMPIONATO FORTE DEI MARMI BATTUTO AL VECCHIO MERCATO.

Apoteosi Hockey Sarzana: all’esordio in campionato, Forte dei Marmi battuto 3 a 1, ultima squadra campione d’Italia prima dello stop della scorsa stagione, e gara meravigliosa. Doppietta di Francesco De Rinaldis e rete di Francisco Ipinazar, poi le grandi parate di Simone Corona: Il Forte dei Marmi si inchina. Un’assenza pesante per parte, Burgaya infortunato fra i versiliesi e il cileno Osorio, ancora alle prese con il visto, fra i sarzanesi. Magnifico spot per il debutto del campionato post Covid: è stata una partita spettacolare e combattuta. Impeccabile l’organizzazione della società rossonera: presenti all’evento Polizia, Carabinieri, Stewards di professione e l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Sarzana per mantenere un alto livello d’attenzione all’emergenza Covid, distanziamento, solo le persone congiunte hanno avuto la possibilità di stare vicine (nella foto di Marco Dallara l’abbraccio della squadra a fine gara).


CREDIT AGRICOLE SARZANA – GDS FORTE DEI MARMI  3 – 1     (2 – 0)

 CREDIT AGRICOLE SARZANA : Corona (Bianchi), Galbas, Ipinazar (1), Rossi, De Rinaldis (2), Borsi, Rispogliati, Cardella, Pezzini. Allenatore: Alessandro Bertolucci.

 GDS FORTE DEI MARMI : Gnata (Bertozzi), Maremmani (1), Motaran, Casas, Rubio (1), Ambrosio, Giovannetti, Antonioni, Pardini. Allenatore Alberto Orlandi.

 Arbitri: Sig. Galoppi (GR) – Sig. Fontana (MI) ausiliario Sig. Righetti (SP)

Apoteosi Hockey Sarzana: all’esordio in campionato, Forte dei Marmi battuto  a 1,ultima squadra campione d’Italia prima dello stop della scorsa stagione, e gara meravigliosa. Un primo tempo impeccabile dei rossoneri di Alessandro Bertolucci che mettono in pista un’organizzazione perfetta, pressando in ogni zona, e non concedendo neanche un millimetro. E, soprattutto, là dietro Simone Corona para tutto, se possibile anche di più. Un’assenza pesante per parte, Burgaya infortunato fra i versiliesi e il cileno Osorio, ancora alle prese con il visto, fra i sarzanesi. “Avevo detto alla vigilia alle persone a me più vicine che non avrei firmato il pareggio per come avevo visto i miei ragazzi al Torneo di Correggio – commenta un emozionatissimo presidente Maurizio Corona a fine partita – solo una grande squadra e un grande gruppo è in grado di mettere sotto dei fuoriclasse come quelli del Forte dei Marmi. Se seguiamo le indicazioni e giochiamo come vuole il nostro mister, anche perché è lui il nostro vero fuoriclasse, possiamo vincere con tutte – continua Corona – e non dobbiamo avere paura di nessuno, il nostro problema sono solamente quei minuti quando invece perdiamo la concentrazione. Abbiamo vinto con il cuore – conclude il Presidente – con la grinta, con una squadra che è fantastica e con un gruppo che lo è ancora di più e manca ancora il cileno Osorio che speriamo di avere dalla gara contro il Lodi. Siamo tutti sintonizzati, società, mister e giocatori verso un unico obiettivo che è in primis quello della salvezza e dobbiamo dare l’anima per raggiungere ciò al più presto possibile e poi dopo provare a sognare in grande.” SarzanaIL CUORE, il gioco e la gioventù di Credit Agricole Sarzana hanno prevalso sul Forte dei Marmi a tratti apparso in soggezione. Una grande vittoria del gruppo, della volontà di ottenere il primo risultato positivo in campionato. Tre punti “strameritati” dai ragazzi di mister Alessandro Bertolucci capaci di essere sempre in vantaggio contro i più quotati avversari, subire la loro rabbia e poi avere la forza nel finale di conservare la vittoria. Alessandro Bertolucci riparte nel modo migliore in questa stagione post covid, portando a casa tre punti alla vigilia abbastanza insperati, la sua squadra è un concentrato di umiltà, carattere, cattiveria e tecnica. Di fronte c’erano gli ultimi campioni d’Italia che, seppur privi di una pedina importante come Burgaya, sono apparsi solo a tratti all’altezza dei sarzanesi. Tutti bravi i rossoneri, difficile trovare il migliore. Una squadra compatta che ha giocato una partita straordinaria per intensità di gioco, tatticamente e tecnicamente ineccepibile. Il lavoro di mister Bertolucci lo si è già visto in precampionato. Pochissimi errori in costruzione (un paio, forse tre), poi passaggi precisi, blocchi e scambi di prima.  Ma veniamo alla gara Alberto Orlandi schiera il suo starting-five titolare, con l’ex Rubio insieme a  Motaran e alla coppia d’attacco formata dal bomber Ambrosio e lo spagnolo Casas con Gnata alla difesa della porta, con a disposizione Maremmani, Giovannetti, Pardini, Antonioni e il secondo portiere Bertozzi. Alessandro Bertolucci risponde con Corona tra i pali, Galbas, Ipinazar, Rossi, Borsi. Per la cronaca partita subito vibrante,  al 3’ una girata di Francesco Rossi colpisce il palo. Il Forte attacca e impegna più volte Corona. Al 10’ il portiere si supera su una doppia conclusione di Ambrosio che poco dopo viene espulso. Tiro diretto a favore dei padroni di casa, si incarica della battuta Joan Galbas che si fa stregare da Gnata, ma nella susseguente superiorità numerica i padroni di casa passano con una deviazione di De Rinaldis in area, su tiro di capitan Borsi, contestata dai versiliesi per presunto fallo di piede. Poco più di 1’ dopo i rossoblu subiscono il raddoppio con un’altra deviazione di De Rinaldis su tiro di Borsi. La squadra di Orlandi accusa il colpo e tenta la via della rete più con azioni personali che manovrate. Pericolose le ripartenze del Sarzana che costringe Gnata a una doppia parata al 22’. Prima dello scadere Corona para un tiro angolato di Ambrosio. Poi il suono della sirena che manda le due squadre al riposo con il risultato di 2 a 0 a favore dei padroni di casa. La ripresa inizia con uno spunto di Casas parato (2’). Al 4’e 41” viene espulso Galbas, si incarica della battuta del tiro diretto Casas ma Corona si supera e devia la conclusione dello spagnolo nella superiorità numerica susseguente l’ex Rubio al 5’,47” si presenta davanti a Corona  e lo batte portando il punteggio sul 2 a 1. Il gioco continua su ritmi elevati con molte occasioni per entrambe le squadre a cui i portieri rispondono al meglio. Successivamente le due squadre sembrano rifiatare per qualche minuto per preparare il finale che, di nuovo, viene giocato su ritmi altissimi anche se non sempre con la giusta lucidità, soprattutto da parte degli ospiti. Al 17’ Ipinazar colpisce la traversa con un tiro dal limite. Lo stesso Ipinazar  si rifà un minuto dopo trasformando il tiro diretto del decimo fallo fortemarmino. I versiliesi provano a riportarsi sotto, ma devono guardarsi dalle ripartenze dei liguri. Al 21’ arriva anche il decimo fallo del Sarzana, ma Corona neutralizza il tiro di Ambrosio che all’ultimo minuto viene espulso per la seconda volta. Gnata para il tiro diretto affidato a Rossi e per il Forte dei Marmi non c’è più tempo per cercare di raddrizzare la gara. Tre punti d’oro per l’orgoglio e soprattutto per iniziare al meglio la stagione. L’ultimo minuto il pubblico del Vecchio Mercato è  in visibilio ed accompagna i suoi eroi al suono della sirena per poi decretare il giusto tributo alla squadra di Alessandro Bertolucci.  Prossimo incontro Sabato 19 Ottobre al Pala Regnani di Scandiano contro l’Hockey Scandiano.

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.