Hockey Sarzana | IL CARISPEZIA HOCKEY SARZANA REGALA UN TEMPO AL CORREGGIO HOCKEY CHE RINGRAZIA ED ESPUGNA SARZANA.
17628
post-template-default,single,single-post,postid-17628,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

IL CARISPEZIA HOCKEY SARZANA REGALA UN TEMPO AL CORREGGIO HOCKEY CHE RINGRAZIA ED ESPUGNA SARZANA.

IL CARISPEZIA HOCKEY SARZANA REGALA UN TEMPO AL CORREGGIO HOCKEY CHE RINGRAZIA ED ESPUGNA SARZANA.

Dieci minuti di ordinaria follia nellla prima frazione di gioco e il BDL Correggio passa al “Pala Terzi” al termine di un match molto sfortunato per i padroni di casa. Gli emiliani hanno meritato il successo. Squadra più concreta con un’ottima impostazione in difesa. Rossoneri sfortunati colpiscono due pali ed altrettante traverse e falliscono la trasformazione di una punizione diretta. (nella foto un time-out della formazione rossonera nella partita contro il BDL Correggio).


CARISPEZIA HOCKEY SARZANA – BDL CORREGGIO  1 – 5  (1 – 4)

CARISPEZIA HOCKEY SARZANA: Corona (Alessio Perroni), Di Donato, Rossi, Dolce (1), De Rinaldis, Sterpini, Andrea Perroni, Borsi, Festa. Allenatore Francesco Dolce.

BDL CORREGGIO: Errico (Saitta), Scuccato (1), Malagoli (2), Castanheira (2), Nadini, Maniero, Bonucchi, Zucchiatti, Ehimi. Allenatore Massimo Barbieri.

 Arbitri: Sig. Carmazzi (LU) Sig. Corponi (VI) ausiliario Sig. Righetti (SP)

 “Non eravamo dei mostri dopo Bassano e non siamo diventati brocchi questa sera – esordisce così il Presidente Maurizio Corona – Contro il Correggio abbiamo perso una battaglia ma con questo non abbiamo certamente perso ancora la guerra.” Il Presidente Maurizio Corona è un fiume in piena a fine gara e continuaSiamo una squadra che centimetro dopo centimetro deve arrivare a conquistare la salvezza. Non ci sono colpevoli questa sera, ne c’erano santi ed eroi dopo Bassano, ci siamo noi con la voglia di stupire ancora e c’è il nostro pubblico che nel bene e nel male deve essere il sesto uomo in pista; sono stanco di ripetermi nel proclamare che  questa squadra  è stata costruita unicamente per cercare di conquistare  la salvezza. Gli avversari nella lotta per retrocedere – spiega il Presidente – hanno tutte squadre ben attrezzate, con fior di campioni e quelle che a fine stagione dovranno giocoforza lasciare la massima serie saranno squadre   potenzialmente molto forti. La classifica ci vede comunque ottavi in compagnia di ottime squadre e con già sette punti conquistati. Non mi sono piaciuti i primi mugugni dalla tribuna io anche stasera ho visto un gruppo di ragazzi che non hanno mai mollato e se poi devo fare un nome su tutti faccio quello di Francesco De Rinaldis indomito lottatore sino al fischio della sirena che più di tutti mette in pista la nostra voglia di non mollare mai. Abbiamo comunque incontrato un’ottima squadra – conclude Corona – che se pur neopromossa si è adeguatamente rinforzata, ha giocato un ottima gara e ha meritato la vittoria, voglio fare i complimenti a Massimo Barbieri, che dopo la debacle interna contro il Giovinazzo è stato bravissimo a far riprendere fiducia alla squadra e a condurre la sua squadra alla vittoria” Brutto risveglio per Carispezia Sarzana che aveva cullato sogni migliori. Invece i giovani del Correggio hanno impartito una severa lezione al quintetto rossonero approfittando dei dieci minuti di follia dei rossoneri nella prima parte di gara. E pensare che gli emiliani erano reduci dalla sonora sconfitta per 8 a 1 impartita sabato dal Giovinazzo. Ieri sera le cose sono andate in maniera differente. Il Correggio subita la rete iniziale di Dolce, ha serrato i ranghi ed iniziato a costruire trame di gioco veloci in grado di mettere in difficoltà Carispezia. Poi, da aggiungere la serata poco felice di alcuni rossoneri che ha facilitato la festa emiliana. Un primo tempo che il Correggio ha dominato ampiamente, chiudendolo con perentorio 4 a 1 grazie alla doppietta di Castanheira e le realizzazioni di Malagoli e Scuccato. Anche nella ripresa gli ospiti hanno chiuso bene i varchi davanti ad un ottimo Errico e per i rossoneri è risultato davvero impossibile andare in gol. Oltretutto al di la dell’infelice prestazione, hanno colpito ben due volte il palo e altrettante la traversa della porta emiliana. Eppure nonostante tutto Carispezia ha ha avuto la possibilità di riaprire il match quando dopo il 4 a 2 di Borsi, Festa ha fallito la trasformazione di una punizione diretta assegnata per il decimo fallo di squadra. A sette minuti dal termine l’eventuale gol avrebbe riaperto completamente i giochi. Ma non era la serata giusta.  Veniamo alla gara: Massimo Barbieri schiera un starting-five con capitan Bonucchi insieme a Zucchiati sulla linea difensiva, in attacco la coppia Malagoli, e Maniero con Errico a difesa della porta e a disposizione Castanheira, Scuccato, Nadini, Ehimi e il secondo portiere Saitta. Dolce risponde con Corona tra i pali, Rossi, De Rinaldis, Borsi e Festa. Per la cronaca Sarzana in vantaggio al 9’,07” Francesco Dolce da poco entrato in pista trova la rete del vantaggio, assist di Francesco De Rinaldis per Dolce che dentro l’area gira di prima intenzione in rete non trovando da prima la porta ma poi è scaltro a raccogliere la respinta della balaustra e a mettere la sfera in rete. Sarzana in vantaggio ha due ghiotte occasioni per raddoppiare poi la formazione rossonera piomba nel black-out all’11’,54 Castanheira lascia partire una conclusione senza pretese verso la porta di Corona che incoccia il pattino di Borsi e finisce alle spalle del portiere rossonero che al 13’,31” deve ancora capitolare ad opera del Portoghese che dalla sinistra lascia partire una sassata che  batte sull’incrocio dei pali alla destra di Corona e finisce in rete. Passa poco più di un minuto che Malagoli intercetta un disimpegno di Sterpini e si invola tutto solo contro Corona e appena entrato in area batte Corona. Carispezia barcolla e al 17’,47” Scuccato riceve palla da Malagoli anticipa la marcatura di Sterpini e da un metro dalla porta mette la sfera alle spalle di Corona. Sarzana si scuote dal torpore e si getta a testa bassa all’attacco, i montanti della porta di Errico fermano per due    volte le conclusioni degli attaccanti rossoneri e il suono della sirena manda le squadre negli spogliatoi con gli Emiliani in vantaggio con il punteggio di 4 a 1. La seconda parte di gara è un monologo con i rossoneri  che fanno la partita e stazionano nella metà pista dei Correggesi, ma ancora i pali, la bravura di Errico e la sprecisione sotto porta non portano a nessuna rete per la formazione di Francesco Dolce che rischia nelle ripartenze della formazione di Massimo Barbieri. Corona tiene in partita i suoi al 35’ parando il tiro di prima a Malagoli. Eppure nonostante tutto, la formazione di Francesco Dolce ha avuto la possibilità di riaprire il match. Al 42’,38” Borsi trasforma sulla ribattuta di Errico, il rigore concesso per un intervento di Zucchiatti su De Rinaldis ed un minuto c’è  il 10′ fallo correggese che manda Festa dal dischetto con la pallina per riaprire il match, ma questa volta la parata con il guanto a terra di Errico non ammette repliche e Correggio mantiene il doppio vantaggio. A blindare il risultato ci pensa Andrea Malagoli che sigla la sua personale doppietta in contropiede a 90″ dalla fine. Il suono della sirena premia il Correggio che sbanca il Vecchio Mercato con il punteggio di 5 a 1. Prossimo incontro Sabato 18 Novembre al Palalido di Valdagno contro l’ Admiral Valdagno.

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.