Hockey Sarzana | CARISPEZIA SARZANA BRINDA IN COPPA, FANTASTICA PROVA A GINEVRA.
17602
post-template-default,single,single-post,postid-17602,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

CARISPEZIA SARZANA BRINDA IN COPPA, FANTASTICA PROVA A GINEVRA.

CARISPEZIA SARZANA BRINDA IN COPPA, FANTASTICA PROVA A GINEVRA.

Francesco Dolce firma il successo rossonero, decisiva la tripletta dell’ allenatore/giocatore, dopo la grande partenza del Ginevra che si portavano sul 3 a 0 al 19’ del primo tempo, l’ingresso di Luca Sterpini cambia la partita anche se il Ginevra riesce a portarsi sul 5 a 3 grazie a un rigore molto generoso, poi la grande rimonta. Una grande trasferta seguita da un buon numero di tifosi che hanno sfidato la nevicata sul Monte Bianco, che conferma la solidità della formazione del presidente Maurizio Corona. Sarzana che nelle trasferte Europee e in alcune trasferte del Campionato di Serie A1 sarà testimonial  del progetto “la liguria loves is wines” grazie all’ Enoteca Regionale della Liguria. (nella foto la formazione rossonera con la maglia dell’ Enoteca Regionale della Liguria).


GINEVRA RINK HOCKEY – CARISPEZIA HOCKEY SARZANA 5 – 6  (3 – 1)

CARISPEZIA HOCKEY SARZANA: Corona (Alessio Perroni), Pistelli, Festa (2), Rossi, Andrea Perroni, Sterpini, Di Donato (1), Dolce (3), De Rinaldis. Allenatore Francesco Dolce.

GINEVRA RINK HOCKEY: Riotton (Blochinger), Jonas Jimenez , Gael Jimenez (1), Duverney, Garcia Mendez, Rossel, Simons, Silva (4), Waridel. Allenatore Pedro Alves.

Arbitri: Sig. Frank Schafer (DE) – Sig. Carsten Niestroy (DE).

Prima di tutto voglio ringraziare il gruppo degli indomiti nostri tifosi che hanno sfidato un tempo da lupi e la nevicata ai piedi del Monte Bianco per sostenere i nostri ragazzi in Svizzera commenta il presidente Maurizio Corona a fine partitaaltra cosa che sicuramente ci ha onorato è essere stati i testimonial del progetto “la Liguria ama i suoi vini” grazie all’ Enoteca Regionale della Liguria   e alla nostra Vice Presidente Elisabetta Sacconi che ha curato il progetto. L’ enoteca ci ha messo a disposizione il proprio wine bus  e noi cercheremo di essere dei buoni ambasciatori del nostro vino nelle trasferte europee e in alcune italiane. Guardando invece la partita  abbiamo giocato contro una buona squadra – continua Corona – una squadra che lo scorso Campionato Svizzero ha perso la finalissima per il titolo, una formazione ben “attrezzata”  che schiera due nazionali helvetici e un giocatore Portoghese ex Oliverence ed è diretta in panchina da un allenatore Portoghese del calibro di Pedro Alves.  Abbiamo rischiato seriamente di mettere in salita la qualificazione al secondo turno, ci siamo trovati sotto 3 a 0 abbiamo chiuso la prima frazione di gioco in svantaggio sul 3 a 1 – continua Corona – poi nel secondo tempo abbiamo tirato fuori veramente gli attributi, siamo stati veramente bravi non posso che ringraziare i miei ragazzi per il cuore che hanno gettato oltre l’ostacolo mettendo una seria ipoteca alla qualificazione al secondo turno. Sono contentissimo delle tre reti di Francesco Dolce e della prestazione di Luca Sterpini – conclude Corona – servivano a loro per riprendere morale e a me personalmente hanno riempito di gioia sapendo quanto loro aspettavano questo momento”  Ma veniamo alla gara mister Pedro Alves, schiera il suo starting-five titolare con i due nazionali svizzeri Garcia Mendez e Gael Jimenez insieme al portoghese Silva e Duverney con Riotton alla difesa della porta e a disposizione Jonas Jimenez, Rossel, Simons, Waridel e il secondo portiere Blochinger. Dolce senza Davide Borsi che non parte per la Svizzera causa un risentimento muscolare risponde con Corona tra i pali, De Rinaldis, Rossi, Di Donato e Festa. La partenza è tutta in salita per i rossoneri dopo poche battute di gioco all’ 1’,54” Silva con una potente conclusione dalla distanza sorprende Corona. Al decimo ghiotta occasione per pareggiare per Carispezia per un tiro di rigore concesso per un fallo di piede di Silva in area, ma la conclusione dal dischetto  di Francesco De Rinaldis incoccia la base del palo.  Al 12’,28” pasticcio difensivo di Andrea Perroni che si fa rubare palla e lancia un attaccante helvetico a tu per tu con Corona che para la prima conclusione ma nulla può al tap-in di Gael Jimenez. Al 19’ terza rete dei padroni di casa su rigore concesso per un fallo di Dolce su un attaccante svizzero si incarica della battuta Silva e porta i Ginevrini in vantaggio 3 a 0. Dolce gioca la carta Sterpini e l’ingresso del capitano rossonero fa cambiare passo alla squadra che salvata anche da un paio di interventi provvidenziali di Corona inizia a macinare gioco, ed è proprio un tiro di Sterpini deviato da Dolce al 24’,46” a dare forza ai rossoneri e a mandare le squadre negli spogliatoi con il punteggio di 3 a 1 a favore della formazione Svizzera. Nel secondo tempo il Sarzana è padrone della pista  dopo due minuti Festa centra il palo a portiere battuto e al 28’,07”  Dolce trova la rete del 3 a 2 girando in rete un prezioso assist di De Rinaldis. Sarzana che spinge sull’acceleratore ma con la grossa complicità degli arbitri tedeschi che al 33’,04” si inventano un tiro di rigore trasformato da Silva  i padroni di casa si riportano sul doppio vantaggio. Carispezia si rigetta a testa bassa in avanti e Sterpini smarca Festa con un preciso assist al 36’,35” e il bomber materano non sbaglia e riporta Sarzana a meno uno. Ma c’è ancora Silva a fare la differenza e con una splendida azione personale al 36’,35” batte Corona e porta il punteggio sul parziale di 5 a 3 a favore dei Ginevrini. Non è finita perché il Carispezia Hockey Sarzana fa la voce grossa e al 37’,21” riduce lo svantaggio con Festa che trasforma il tiro di prima per il decimo fallo della formazione Svizzera. I rossoneri prendono coraggio e pareggiano con Di Donato che riprende la conclusione di Sterpini rimbalzata sulla balaustra. Al 48’,43” il trionfo: De Rinaldis ottima la sua prova conclude a rete, il portiere para, riprende la respinta Dolce che sottomisura  è bravo con un alza e schiaccia a mettere la sfera alle spalle di Riotton per la rete del 6 a 5. Il suono della sirena fissa il risultato con Carispezia che batte 6 a 5 il Rink Hockey Ginevra, portando i rossoneri il 26 novembre a  Sarzana con un  gol di vantaggio e la grossa possibilità di conquistare la qualificazione al secondo turno. E si torna subito in pista martedì, sabato con due scontri proibitivi martedì a  Monza e sabato in casa contro Bassano.

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.