Hockey Sarzana | NOTTE DA LEONI PER CARISPEZIA A DUSSELDORF CHE VA AVANTI IN EUROPA.
17199
post-template-default,single,single-post,postid-17199,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

NOTTE DA LEONI PER CARISPEZIA A DUSSELDORF CHE VA AVANTI IN EUROPA.

NOTTE DA LEONI PER CARISPEZIA A DUSSELDORF CHE VA AVANTI IN EUROPA.

Carispezia Sarzana uber alles !!! Per la prima volta nella storia i rossoneri passano un turno in una competizione europea: il 3 a 3 conquistato ieri sera a Dusseldorf, sommato alla vittoria della gara di andata per 3 a 1 significa il più grande risultato internazionale di sempre. Gara epica, combattuta, con i tedeschi che hanno fruito di tre rigori (di cui due fatti ripetere due volte) ma che nulla hanno potuto di fronte ai leoni rossoneri non al completo causa l’assenza di Amat, che si sono trasformati in giganti sui pattini. E si torna subito in pista martedì e sabato incontri casalinghi con Valdagno e CGC Viareggio. Sabato 12 Dicembre secondo turno Europeo arrivano al Vecchio Mercato gli Svizzeri dell’ RSC Uttigen. (nella foto il selfie dell’esultanza della squadra negli spogliatoi a fine gara).


TUS DUSSELDORF NORD 1904 – CARISPEZIA HOCKEY SARZANA 3 – 3  (1 – 2)

TUS DUSSELDORF NORD 1904 : Kutscha Jan (Brandt), Pinmk, Abdalia, Beckmann, Gattermann, Shenlen, Kutscha Daniel, Paczia Andrea (1), Paczia Tobias (2). Allenatore Barnekow.

CARISPEZIA HOCKEY SARZANA: Corona (Perroni Alessio), Pistelli, Rossi Francesco, Fioravanti, Sterpini (1), Di Donato, Dolce (2), Perroni Andrea. Allenatore Alessandro Cupisti.

Arbitri: Sig. E. Dornbierer (CH) – Sig. R. Eggimann (CH)

Prima di tutto voglio ringraziare il mister e tutti i miei ragazzi sono stati grandissimi commenta il presidente Maurizio Corona a fine partitaLa qualificazione al secondo turno della Coppa Cers è certamente un regalo che facciamo a tutta la Città, siamo stati orgogliosi dei tantissimi messaggi di incoraggiamento ricevuti prima della gara e dei complimenti ricevuti a fine gara sui social, questa vicinanza ci riempie d’orgoglio e ci da carica per il proseguo della stagione che avrà come obiettivo primario una salvezza da conquistare oltre un cammino più lungo possibile nella competizione europea. Abbiamo bisogno di un aiuto tangibile da tutti stiamo facendo salire un campione dall’ Argentina uno che in questo sport ha vinto tantissimo, ma questo comporta un esborso non preventivato. Lo facciamo perché crediamo che per la Città di Sarzana la serie A1 sia una eccellenza a cui non deve rinunciare. Inoltre continuiamo l’avventura in Coppa Cers e il 12 Dicembre arriveranno a Sarzana gli Svizzeri dell’Uttingen, un’altra serata di gala sportiva che regaliamo a tutta la comunità Sarzanese. Poi Guardando invece la partita abbiamo passato il turno contro una buona squadra, in un palazzetto stracolmo, con una coreografia da brividi – continua Corona – e poi il quintetto allenato da BarneKow può avvalersi di buoni giocatori come i tre nazionali teutonici Daniel Kutscha, Tobias Paczia autentico tuttofare e il portiere JanKutscha. Comunque penso – conclude il Presidente – che il Carispezia di questa sera abbia gettato il cuore oltre l’ostacolo giocando una partita epica, combattuta, con i tedeschi che hanno fruito di tre rigori, di cui due fatti ripetere due volte, ma che nulla hanno potuto di fronte ai leoni rossoneri non al completo causa l’assenza di Amat, che si sono trasformati in giganti sui pattini. Alessandro Cupisti a fine gara euforico ha dichiarato: “Noi volevamo la qualificazione, e ci siamo riusciti, è la prima volta per Sarzana che questo succede ed è un motivo d’orgoglio in più anche per il sottoscritto e poi non è facile giocare quando vieni da due sconfitte pesanti in campionato, e quindi cresce la paura. La mia squadra deve prendere consapevolezza dei propri mezzi – continua Cupisti – perché ancora i miei ragazzi non si esprimono ai livelli con cui possono giocare, ora il primo passo avanti lo abbiamo fatto, pur in formazione rimaneggiata dopo l’infortunio ad Amat, importante era passare il turno e ci siamo riusciti, ora gli Svizzeri dell’ Uttigen, anche se prima incontreremo Valdagno, CGC Viareggio e Breganze. Godiamoci questa traguardo – conclude il mister rossonero e da lunedì penseremo al Valdagno. Ma veniamo alla gara mister BarneKow, si presenta con l’organico al gran completo, schiera il suo starting-five titolare con i due nazionali tedeschi Daniel Kutsha e Tobias Paczia insieme alla coppia d’attacco  Jonas Pinmk e Andi Paczia  con Jan Kutscha alla difesa della porta e a disposizione Abdalia, Beckmann, Gattermann, Shenlen e il secondo portiere Brandt. Cupisti risponde con Corona tra i pali, Sterpini, Rossi, Di Donato e Dolce. Per la cronaca primo tempo, con i padroni di casa a testa bassa alla ricerca del goal che possa riaprire il discorso qualificazione. La formazione di BarneKow passa in vantaggio al 2’,50” con Andi Paczia che con una conclusione beffarda batte Corona. La formazione di casa dopo il vantaggio preme sull’acceleratore, la difesa rossonera regge bene alla pressione tedesca e all’ 8’,15” trova la rete del pareggio con capitan Sterpini che da centro pista lascia partire una conclusione che batte Jan Kutscha. Dopo il pareggio di Carispezia la partita ha una sola trama, padroni di casa che attaccano e sarzanesi che ripartono in contropiede e al 21’,13” rossoneri in vantaggio, contropiede perfetto con Rossi che serve Dolce l’attaccante rossonero è molto bravo prima a controllare la palla e poi a mettere la palla in rete. Sarzana che potrebbe portarsi sul doppio vantaggio con un tiro diretto decretato dagli arbitri per un fallo di DanielKutscha punito con il cartellino blu, ma Rossi incaricato della battuta si fa stregare da Jan Kutscha che poi è bravo nel susseguente power play a tenere la porta imbattuta e fissare il parziale del primo tempo sul risultato di 2 a 1 a favore di Carispezia punteggio con cui le squadre vanno al riposo. Nel secondo tempo il Dusseldorf prova ad accelerare, ma le loro conclusioni trovano attento Corona, e porgono il fianco ai contropiedi sarzanesi che potrebbero chiudere la partita, Rossi e Dolce trovano sulla loro strada Jan Kutscha che gli nega la rete con almeno quattro interventi degni di nota. Con un Sarzana che sembra molto attento sono i due arbitri svizzeri a rimettere in gioco i padroni di casa, al 14’ fischiano un rigore molto dubbio, si incarica della battuta Tobias Paczia,Corona para ma l’arbitro fa ripeteree al secondo tentativo il giocatore tedesco non sbaglia. Ma ancora Francesco Dolce dopo due minuti sfruttando una bellissima azione di Di Donato riporta i rossoneri in vantaggio. Dopo la rete del “bomber” viareggino per i rossoneri la qualificazione sembra cosa fatta, invece nel finale di partita, c’è stato il ritorno dei tedeschi che, è bene sottolinearlo, sono rientrati in partita grazie ad alcune decisioni arbitrali incredibili: tre rigori due dei quali letteralmente inventati, gli ultimi due assegnati nel giro di pochi minuti nel finale di gara. Una situazione che avrebbe potuto mettere in ginocchio qualunque squadra. La prima conclusione da dischetto Corona la sempre parata, salvo la decisione arbitrale di farla ripetere e proprio in quel modo è scaturito il pareggio tedesco al 21’,26” realizzato da Tobias Paczia. Sul terzo penalty a 30” dal termine della partita Corona ha parato la conclusione a Tobias Paczia e al suono della sirena è stata apoteosi in pista e sugli spalti con festa del nutrito gruppo di Sarzanesi al seguito. Prossimi avversari europei saranno gli svizzeri del RSC Uttigen la gara di andata è in programma al “Polivalente” Sabato 12 Dicembre, il ritorno in Svizzera è invece previsto per il 16 Gennaio 2016. Ora doppio turno casalingo di Campionato Martedì 1 Dicembre arriva il Valdagno al Vecchio Mercato e Sabato 5 il CGC Viareggio.

late term abortion clinics coping with abortion how long can you wait to have an abortion
sumatriptan 50mg twodrunkmoms.com levaquin 500mg
cipro 1000mg shellware.com clomid 50mg
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.