Hockey Sarzana | SONO FATALI GLI ULTIMI CINQUE MINUTI AL CARISPEZIA A VALDAGNO.
17182
post-template-default,single,single-post,postid-17182,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

SONO FATALI GLI ULTIMI CINQUE MINUTI AL CARISPEZIA A VALDAGNO.

SONO FATALI GLI ULTIMI CINQUE MINUTI AL CARISPEZIA A VALDAGNO.

“Pala Lido” di Valdagno ancora tabù per i rossoneri del Carispezia Hockey Sarzana che nelle sette partite disputate nei sei anni di serie A1 non hanno mai ottenuto alcun punto.  Sembrava la serata giusta per sfatare questo tabù con un buon Sarzana che resta in partita sino a cinque minuti dal suono della sirena, poi la squadra di Alessandro Cupisti deve alzare bandiera bianca due decisioni molto dubbie della coppia Carmazzi-Rotelli che spianano la strada ai padroni di casa trascinati da Lucas Ordonez e Maxi Oruste. Per il Carispezia a segno Borsi doppietta anche se a referto sono tre le reti per l’ariete rossonero, e Pistelli che da due se ne vede assegnare una. (nella foto la squadra schierata a Valdagno)


RECALAC VALDAGNO 1938 – CARISPEZIA HOCKEY SARZANA 7 – 4  (1 – 0)

RECALAC VALDAGNO 1938: Cunegatti (Pertegato), Lucas Ordones (5), Maxi Oruste (2), Bertoldi, Lopez, Ghirardello, Bicego, Marchesini, Nardon. Allenatore: Franco Vanzo.

CARISPEZIA HOCKEY SARZANA: Corona (Garofalo), Vargas, Squeo, Pistelli (1), Sterpini, Dolce, Rossi, Fioravanti, Borsi (3). Allenatore: Alessandro Cupisti.

Arbitri: Sig. Rotelli (LU) Sig. Carmazzi (LU) ausiliario Sig. Nicoletti (VI)

“Sono contento di come i ragazzi hanno reagito dopo la sonora sconfitta di Matera – dichiara il Presidente Corona – alla luce dei risultati di oggi quella nostra sconfitta, a molti sembrata pesantissima, deve essere rivalutata visto la vittoria della squadra lucana contro il Breganze, secondo in classifica, con   un perentorio 6 a 3. La squadra di Pino Marzella ha confermato tutto il valore del proprio organico che con l’inserimento di un “Campione” come Tataranni la catapulterà nelle zone più nobili della classifica – commenta il Presidente rossonero –. Quella di Valdagno è una sconfitta che era stata messa in preventivo, squadra zeppa di nomi illustri e costruita per grandi traguardi; siamo rimasti aggrappati al risultato sino a cinque minuti dal suono della sirena e questo è certamente un dato positivo in questo periodo emotivamente molto duro. E’ deluso per la sconfitta ma soddisfatto per la prestazione il presidente Maurizio Corona che continuaMi dispiace per la sconfitta, però non ho nulla da recriminare ai miei ragazzi. Ripeto il Valdagno è una grandissima squadra, ha meritato di vincere per quello che ha creato, però quel regalino dell’espulsione per proteste a Borsi e il tiro di prima poco dopo a cinque minuti dalla fine che li ha portati sul doppio vantaggio sono stati per loro fondamentali, ha ridato tranquillità a loro e spento il nostro entusiasmo che avevamo sul risultato di parità, convinti che se avessimo resistito ancora avremmo potuto fare il colpaccio. Martedì prossimo arrivano al Vecchio Mercato i Campioni d’ Italia del Forte dei Marmi per un’altra gara impossibile – conclude il Presidente – bisogna rimanere concentrati nulla è impossibile speriamo sia una grande serata di sport, con un Vecchio Mercato tutto esaurito. Veniamo alla cronaca della partita: nel Valdagno l’allenatore Franco Vanzo schiera nello starting-five iniziale Cunegatti a difesa della porta, Lopez, Ghirardello, Oruste e Ordonez a disposizione in panchina il capitano Bertoldi, Bicego e i giovani Nardon, Marchesini e il secondo portiere Pertegato. Cupisti risponde con un quintetto inedito Corona, Sterpini, Rossi, Borsi, Pistelli. Partita a senso unico con il possesso di palla da parte del Valdagno; gioco che si svolge per la quasi totalità nella metà pista Ligure con l’estremo difensore rossonero che deve fare gli straordinari. Padroni di casa in vantaggio al 6’,32”, fallo di Borsi su Ordonez in area che viene punito dagli arbitri con un tiro di rigore che Ordonez mette alle spalle di Corona. Finale primo tempo che ricalca il copione dell’inizio, la formazione di Cupisti prova a farsi pericolosa nel finale del primo tempo ma Cunegatti è attento su Borsi e Squeo e con il punteggio di 1 a 0 a favore della formazione valdagnese le due squadre vanno al riposo. Il secondo tempo si apre con due reti nel primo minuto di gioco, dopo 9” Borsi si invola verso la porta lasciando partire una conclusione rasoterra verso la porta di Cunegatti, Pistelli sotto porta devia la palla in rete ma gli arbitri non vedono il tocco dell’attaccante rossonero e attribuiscono la segnatura a Borsi. Ma Ordonez trenta secondi dopo risponde con un coast to coast e una grande conclusione che si insacca alle spalle di Corona. Valdagno che non chiude la gara trovando ancora Corona sulla loro strada e i rossoneri di Cupisti ne approfittano con Borsi al 30’,58” che raccoglie una pallina in area, salta Ordonez e con un delizioso pallonetto batte Cunegatti. Squadra di casa che reagisce e Ordonez si fa perdonare quando al 32’,35” riceve palla in area da Lopez salta il suo diretto avversario e batte imparabilmente Corona. Al 36’,57” i rossoneri ritrovano il pareggio, Oruste commette fallo su Pistelli e viene punito con il cartellino blu e tiro di prima per la formazione di Alessandro Cupisti, si incarica della battuta Borsi che prima non trova la porta, poi recupera palla ma la sua conclusione trova la respinta di Cunegatti che nulla può fare sul tap-in di Pistelli. Sul risultato di tre a tre partita inchiodata con pochissime azioni da rete da una parte e dall’altra sino al 44’,21” quando in meno di trenta secondi la formazione di Franco Vanzo trova il doppio vantaggio e su questi due episodi che la societàlLigure punta l’indice, sulla troppa generosità dei direttori di gara verso i padroni di casa. Il vantaggio scaturisce da un tiro di rigore concesso con troppa generosità per un fallo su Ordenez di Borsi che verrà espulso per proteste, Corona para la conclusione a Ordonez e la successiva ribattuta ma sul power play successivi Oruste trova la rete del vantaggio; subito dopo è Francesco Dolce a passare sotto le forche caudine del duo Carmazzi – Rotelli quando l’attaccante rossonero entra scomposto su Ordonez nell’area d’attacco rossonera, ma i direttori di gara sono inflessibili ed estraggono il cartellino blu e decretano il tiro di prima a favore della formazione Valdagnese che Oruste mette alle spalle di Corona. Partita di fatto conclusa c’è ancora il tempo per l’espulsione di capitan Sterpini, compresa da pochi in tribuna con il susseguente tiro di prima che Lopez sbaglia. Ma in superiorità numerica Ordonez trova la sesta rete con un netto fallo su Corona, Sarzana che si siede e subisce la settima rete ancora da Ordonez al 48’,30”. A pochi secondi dalla fine Borsi rende meno amaro il punteggio segnando la quarta rete dei rossoneri, il suono della sirena finale sancisce la vittoria della formazione di casa con il punteggio di 7 a 4. Un Carispezia che ha reagito dal tracollo di Matera tenendo testa alla forte formazione Veneta sino a cinque minuti dalla fine. Il Sarzana è atteso Martedì 20 Gennaio al Vecchio Mercato alle ore 20,45 contro i Campioni d’Italia del Forte dei Marmi.

cvs weekly coupons print cvs coupons internet drug coupons
deltasone kalvikkalam.com propranolol 20mg
cipro pill ciprofloxacin pill dutasteride
cipro pill open dutasteride
cipro 1000mg read clomid 50mg
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.